#IoStoConDeBoer

#IoStoConDeBoer è diventato, nell’arco di poche ore, trending topic in Italia.

Sappiamo che conta molto poco e che questo non servirà a cambiare nulla nel corso di questa storia: spesso non sono bastate le proteste fisiche nelle piazze, gli scontri, i digiuni e cose più clamorose di un tweet che dura lo spazio di un respiro o, quand’è più fortunato, lo spazio di qualche ora.

Ma è un segnale che può arrivare un po’ più in alto, perché c’è molta più attenzione oggi a cosa dice la tabella dei “trending topic” piuttosto che a ciò che succede nella realtà.

Stavolta, però, le due cose coincidono. Frank De Boer non ha l’appoggio incondizionato di tutta la tifoseria, lo sappiamo: gli 11 punti sono un macigno troppo pesante per poter pensare a percentuali bulgare, e non ci aspetteremmo diversamente: neanche Ronaldo e Mourinho, le due stelle più luminose nella storia recente nerazzurra, riuscirono a accomunare tutti indistintamente, neanche a triplete vinto.

Frank è persona seria, è un professionista serio: al di là della favoletta che ci hanno raccontato (e che purtroppo ha trovato troppo humus tra i tifosi), il fatto di non conoscere il campionato in cui arrivi non è mai stato un problema per nessuno, improvvisamente diventa chissà quale requisito essenziale. Mazzarri e Gasperini, per dirne due, il campionato lo conoscevano bene.

Basta, però: se progetto deve essere, progetto sia. Dal triplete a oggi una sequenza incredibile di errori: 6 anni 252 partite 81 sconfitte e 9 allenatori. Di chi è la colpa?

Ma al di là degli aspetti tecnici o tattici, quello che si è scatenato… non tanto contro il professionsita, l’allenatore, l’uomo di calcio, ma contro l’uomo De Boer, la persona, al punto da farlo passare quasi per un idiota è inaccettabile. Umanamente inaccettabile.

 

Le parole di Caressa, così ripetute, violente, irrispettose e maleducate; tutti i titoli di questi mesi (Frank di Burro, di burrone etc…); articoli come quello di oggi su ilFattoQuotidiano di tale finissima penna che risponde al nome di Lorenzo Vendemiale… il meschino ambiente piccolo-borghese italiota di certa stampa che è sempre pronta ad asservirsi al potente di turno, ha scelto il suo bersaglio. E ci sta andando giù pesante.

E noi non ci stiamo e non ci vogliamo stare a questo gioco al massacro. Inaccettabile, inaccettabile.

Oggi, in conferenza stampa, persa ancora una grandissima occasione per dimostrare serietà e compattezza: Frank era da solo, a metterci la faccia, a parlare di calcio. Dirigenza e società non pervenute.

Nel caso de ilmalpensante.com lo siamo anche dal punto di vista sportivo, ma umanamente è impossibile non stare con De Boer adesso.

#IoStoConDeBoer

Per quello che vale, sarebbe bello vederlo lì ancora per un po’, magari un po’ più su.

“È il web che ce lo chiede”, magari scriveranno.

 

 

Loading Disqus Comments ...