I teatrini di Tuttosport e la morale che puzza

Il giornalismo è morto, ma non da adesso: non si sono celebrati i funerali perché chi avrebbe dovuto farlo rimane all’interno del cadavere melmoso e decomposto, ma il cadavere c’è e ogni giorno schizza a caso i suoi insopportabili miasmi.

Il giornalismo sportivo è morto molto prima e la prima pagina di oggi di Tuttosport ce lo ricorda come il più osceno degli epitaffi:

Fatta la tara ad uno sfondo che, personalmente, leggo in chiave insopportabilmente discriminatoria, verrebbe da dire: “ma da quale pulpito!”

Abbiamo scritto più e più volte sulla parzialità dei giudizi, soprattutto in due casi:

Quanto conta un arbitro e l’opportunismo delle lagnanze

e poi qui:

L’ostile Juve

Eppure oggi dobbiamo sorbirci la lezione morale di Tuttosport. Così abbiamo deciso di ricordare a Tuttosport (così anche gli juventini) quali siano le loro radici, la loro cultura dello sport e delle sconfitte, la loro morigeratezza nell’esprimere il dissenso quando c’è qualche caso dubbio.

Una lunga lista di prese di posizioni moderate e, permetteteci l’estensione, la continenza nel soddisfare il bisogno di esprimere dissenso. Ecco, vogliamo ricordare a Tuttosport e agli juventini quale sia il “teatrino” che sono in grado di imbastire.

D’altra parte, la cultura dello sport bianconera è di razza, di quelle che urlano “giusto giusto” anche quando qualcosa non esiste, purché sia a favore. Ricordate Nedved nel 2003? Ecco.

Lui da lezioni di etica in televisione! Lui!?!?!?

Pubblicato da Gabriele Mazza su martedì 7 ottobre 2014

Ovviamente non chiedeteci di essere precisi con un ordine di catalogazione né di essere esaustivi, perché altrimenti questo articolo sarebbe decisamente un fiume in piena: accontentatevi.

Però, prima di cominciare, mi piace ricordare quel giorno in cui l’ex arbitro Cesari ricordava come, sì, in effetti gli arbitri possono arbitrare in maniera “politica“, cosa che oggi Tuttosport e lo stesso Cesari escludono. Ritorna l’opportunismo delle lagnanze:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SEGUICI ANCHE SU TWITTER!

 

Loading Disqus Comments ...