La strategia di Milan e Inter: parte 1, i bilanci

Ormai è sulla bocca di tutti.

L’altra squadra di Milano, abituata ad anni di mercato praticamente immobile, fatta di parametri zero, over 30 e intrecci di mercato più o meno trasparenti con procuratori e presidenti (ne parlavamo parzialmente anche qui), con l’avvento dei nuovi proprietari ha cambiato totalmente strategia.

E che strategia.

Neanche il Berlusconi degli anni ’80 si era spinto a tanto. Fare razzia sul mercato di qualsiasi cosa assomigli ad un calciatore, trattative lampo, milioni su milioni riversati sia alle società, per l’acquisizione dei cartellini, sia ai giocatori per gli ingaggi (oddio, forse anche Berlusconi si era spinto a tanto e forse qualcosa di più).

Un fiume di soldi a cui nessuno ormai, in Italia, era più abituato, e che non proviene dalla società attualmente più solida da questo punto di vista ma da quella che, fino a pochi mesi fa, era coinvolta in una delle compravendite più comiche che si ricordi.

Una compravendita a suon di caparre da 100 e 200 milioni, elargite come fossero noccioline, “solo” per avere l’esclusiva a trattare con il proprietario uscente (esclusiva, tra l’altro, poco utile visto che non sembravano esserci “concorrenti”). Closing rimandati all’infinito, personaggi loschi mai completamente palesatesi (ancora oggi tanti fanno fatica a dare un volto al proprietario della società), Curriculum Vitae inviati al CdA neanche fossimo ai colloqui di gruppo per l’assunzione per un posto da stagista.

Eppure, dopo soli 3 mesi dall’acquisizione del 99,93% delle quote da parte di Yonghong Li, per una cifra intorno ai 740 milioni debiti inclusi, il Milan ha già impegnato la bellezza di 212 milioni di soli cartellini per l’acquisizione di 9 giocatori, a cui si aggiungono ingaggi per circa 61 milioni lordi annui (media di 6,75 milioni per singolo giocatore, quindi circa 3,5-4 milioni netti all’anno) [fonte Calcio&Finanza], considerando che per Bonucci il sito stima uno stipendio annuo di circa 6,5 milioni netti, anche se pare che in realtà siano addirittura 7,5 + 2,5 di bonus facilmente raggiungibili.

A cui, non va dimenticato, bisogna aggiungere il rinnovo monstre a Donnarumma & Family (pazzescamente grottesco, l’avessimo fatta noi una cosa del genere la cosiddetta “ironia social”, giornaletti sportivi inclusi, si sarebbe scatenata), inclusa la “piccola” commissione, che quantificheremo in futuro, all’onnipresente Mino Raiola.

E a cui continuano ad aggiungersi voci su voci, da Morata (ormai però approdato a Londra) a Belotti, fino ad Aubameyang. A proposito di Aubameyang, articolo dell’anno scorso:

Aubameyang esiste davvero?

Non tutti questi soldi, a dire la verità, saranno pagati interamente nel corso di quest’anno, ma, come ad esempio quelli per Kessiè, rimandati ai prossimi anni.

La domanda, però, che ovviamente circola da giorni è: come è possibile tutto ciò?

Proviamo allora a darci una risposta.

Premessa

Questo articolo doveva essere molto più corto, ma poi ci siamo resi conto che in giro c’è parecchia confusione e ci è sembrato necessario fare alcune premesse anche per utilizzare correttamente i termini all’interno di un discorso che, in caso di cattivo utilizzo degli stessi, potrebbe essere fuorviante.

Anche leggendo sui social, è emerso come c’è una grossa confusione tra cosa significa acquisto, ammortamento, costo del giocatore, dilazione di pagamento e in generale qualunque argomento che riguarda il bilancio in sé: cosa che emerge soprattutto quando si parla della “putenza” di Zhang che doveva piovere dall’alto del cielo come la spada di un dio pagano.

Pertanto abbiamo deciso di dividerlo in due e di fare innanzitutto alcune precisazioni.

  1. I costi sopra citati, relativamente ai cartellini, non coincidono con il concetto di “costo” a bilancio. Senza entrare troppo nei tecnicismi, lo faremo più avanti, in un bilancio gli investimenti per l’acquisizione dei calciatori vengono diluiti per il numero di anni di contratto sottoscritti da questi ultimi;
  2. Tutti i dati riportati, sia da noi che dai siti cui si fa riferimento, sono ipotesi, non essendo ancora ovviamente chiusi i bilanci di competenza;
  3. Bisogna scindere l’aspetto legato al Fair Play Finanziario da quello, più cruciale, della solidità finanziaria dei proprietari.

Relativamente a quest’ultimo punto, infatti, è importante specificare che le regole imposte dall’UEFA hanno come principale scopo, in soldoni, quello di consentire la partecipazione alle coppe europee unicamente alle società che dimostrano di non spendere più di quanto incassano. È una spiegazione estremamente semplicistica ma che serve, per adesso, a far capire che alla UEFA non interessa (relativamente) conoscere la solidità finanziaria di una società. L’importante è che questa società dimostri, in un certo arco di tempo e solo per determinate voci di costo/ricavi (non tutti indistintamente, quindi), di non fare il passo più lungo della gamba.

E di conseguenza, nel caso in cui ci fossero delle anomalie o delle regole non rispettate, una squadra potrebbe subire sanzioni pecuniarie, di limitazione al mercato e alla rosa e, al massimo, l’esclusione dalle coppe. Ecco, i geniacci della UEFA hanno studiato un meccanismo per rendere più forti le squadre già forti… ma è argomento che tratteremo a parte.

L’aspetto della solidità finanziaria, invece, non prevede deroghe, analisi parziali o buffetti sulla guancia, ma riguarda l’ambito civile e penale e, come ultima ratio, la sopravvivenza o meno di una società.

Il bilancio delle società di calcio facile facile… o almeno ci proviamo

Ovviamente non pretendiamo né di essere esaustivi né di essere la fonte più adatta per spiegare determinati meccanismi, ma questo non ci impedisce di provare a fare chiarezza e di illustrare alcuni aspetti fondamentali del bilancio di una società di calcio, soprattutto per quello che riguarda il raggiungimento di quello che si definisce “pareggio di bilancio”.

Ecco, partiamo proprio da questo, perché in realtà sembra essere la condizione ideale, ma non è così. Si parla di “pareggio” come una sorta di miraggio perché, da sempre, le società di calcio hanno sempre speso più di quel che guadagnassero, e pertanto arrivare all’agognato “pareggio” sarebbe già un successo. In realtà il bilancio può essere, sì, in pareggio, ma anche in utile, se i costi sono minori dei ricavi, oppure in perdita, se si spende più di quel che si ricava. Questo per renderlo di più semplice lettura per tutti ed evitandoci la distinzione tra dettagli di bilancio, conto economico e stato patrimoniale… altrimenti non la finiamo più.

Ecco, se credete che il risultato di una calcio funzioni secondo la semplice logica del saldo “entrate/uscite” dei cartellini (ho speso 200 milioni, ne ho ricavati 40… oddio, ‘sto inguaiato!), così come vogliono farci credere, o forse credono loro stessi, i guru del giornalismo sportivo, siete in errore.

Quando si acquista un calciatore si mettono in moto diversi meccanismi. Proviamo a rimanere più semplici possibile.

Se l’Inter oggi acquistasse Vecino (ma l’ha preso?) per 24 milioni iscriverebbe a bilancio e alla voce “diritti pluriennali alle prestazioni dei calciatori” 24 milioni: in questa voce vanno tutti i costi storici di acquisizione dei calciatori, comprensivi di eventuali oneri accessori (vedi costo dei procuratori), e con l’aggiunta dei “premi di preparazione” da riconoscere alle società a seguito del tesseramento di giovani calciatori da queste provenienti.

Per quanto riguarda l’esercizio in corso, il costo “reale” non sarebbe di 24 milioni, perché inizialmente si genererebbe una scrittura contabile di pura natura patrimoniale, per cui in attivo avremmo i “diritti pluriennali alle prestazioni dei calciatori” e in passivo avremmo il debito verso la Fiorentina. I primi sono dei costi pluriennali, ovvero quei costi, sempre per semplificare, che non esauriscono i loro effetti nell’esercizio in cui si manifestano e che, quindi, hanno bisogno di essere “spalmati” su tutti gli esercizi di vita utile. Sempre rimanendo a Vecino, se l’Inter fa un contratto di 4 anni, il suo “effetto” durerà 4 anni.

Questi due valori ci consentono di calcolare la prima parte del “costo reale”, lasciatecelo definire così, del calciatore all’interno di una stagione (esercizio): 24 milioni diviso in 4 anni fa 6 milioni all’anno. Questi 6 milioni costituiscono il famoso ammortamento, che nella contabilità avrà due effetti: da un lato rileverà il costo effettivo da imputare nella stagione, dall’altra andrà a “bilanciare” indirettamente, tramite quello che si chiama “fondo ammortamento diritti pluriennali dei calciatori“, il valore residuo dei  “diritti pluriennali alle prestazioni dei calciatori”.

Immaginando che l’Inter abbia solo un giocatore, sempre Vecino, a fine del primo anno avrebbe:

  • Diritti pluriennali prestazioni calciatori: 24 milioni;
  • Debito verso Fiorentina: 24 milioni;
  • Fondo ammortamento diritti pluriennali prestazioni calciatori: 6 milioni;

Nessuno di questi impatta sull’utile/perdita di esercizio, perché sono di “natura patrimoniale”. Su quello che si chiama “conto economico”, invece, ci sarebbe “l’ammortamento diritti pluriennali prestazioni di calciatori” per 6 milioni di euro, la controparte del fondo ammortamento: il fondo non è un costo, l’ammortamento sì.

Attenzione, perché la scrittura contabile dell’acquisizione ha data identica al giorno della firma dei contratti (o, per le società estere, quando si ottiene il cosiddetto “transfert”), mentre l’ammortamento si iscrive a fine anno. Nel caso in cui un calciatore interrompesse il suo rapporto contrattuale durante la stagione, l’ammortamento si calcolerebbe comunque per il tempo di effettiva permanenza: se, ad esempio, Nagatomo decidesse di fare seppuku (per non vederlo più in nerazzurro è più probabile questo che una sua cessione), il giorno del suo estremo sacrificio sarebbe l’ultimo giorno da considerare, a partire dal 1° luglio (gli esercizi delle società si chiudono il 30/06, non il 31/12 come avviene nella “normalità”).

Ricordatevi, come detto prima, che  in bilancio, sul valore dei “diritti pluriennali”, vanno TUTTI i costi sostenuti per l’acquisizione: l’Inter aveva a bilancio 4,5 milioni per Banega, pur essendo svincolato al momento dell’acquisto. Quel valore era dovuto alla commissione per gli agenti (però che strano… le commissioni per Joao Mario sono uno scandalo, quelle per Banega no…). Avendo firmato un triennale, la quota di ammortamento di Banega era di 1,5 milioni l’anno.

Per calcolare effettivamente quanto costa un calciatore ogni anno, bisogna poi considerare il suo ingaggio lordo. Se l’Inter dovesse riconoscere a Vecino 5 milioni lordi (circa 2,5 netti), il suo costo annuale sarà di 11 milioni l’anno (6 di ammortamento, 5 di ingaggio). Questo ci consente anche di valutare l’investimento globale su un calciatore: 24 milioni per 4 anni a cui si sommano 5 milioni di stipendio lordo per 4 anni, sono altri 20 milioni, ovvero 44 milioni in totale.

Prendendo ad esempio Bonucci, anche se non abbiamo tutti dati ufficiali. Il “costo storico” (diritti pluriennali etc… etc…) è di 42 milioni con contratto di 5 anni: il suo ammortamento sarà di 8,4 milioni l’anno. Facciamo che l’ingaggio (pare che i bonus siano facilmente raggiungibili) sia attorno, come si dice, ai 10 milioni netti, ovvero 20 lordi. Bonucci “costerà” al Milan ogni anno 28,4 milioni, mentre l’investimento globale previsto è di 100 milioni di stipendi + 42 milioni di acquisizione.

Mentre ci siamo, la Juventus ha pubblicato sul suo sito, essendo società quotata in borsa deve dare cifre vere e ufficiali, il valore esatto dell’operazione:  Juventus Football Club S.p.A. comunica di aver raggiunto l’accordo con la società A.C. Milan per la cessione a titolo definitivo del diritto alle prestazioni sportive del calciatore Leonardo Bonucci per un corrispettivo di € 42 milioni pagabili in tre esercizi. Tale operazione genera un effetto economico positivo di circa € 39,5 milioni”.

Cosa è questo “effetto economico positivo” che non coincide con i 42 milioni di cessione?

Entrano in gioco le plusvalenze e le minusvalenze: quando vendi un calciatore, se il suo prezzo di vendita è superiore al suo residuo in bilancio, si parla di plusvalenza; se è minore, si parla di minusvalenza. In molti commettono l’errore di calcolare la plus/minusvalenza sul costo d’acquisto, ma è un errore: la base di partenza è sempre il valore residuo a bilancio. Banega, per esempio, ceduto a 9 milioni ha generato un effetto economico positivo di 6 milioni, ovvero 9 milioni sottratti i 3 di residuo a bilancio.

Adesso che siamo più scafati possiamo sbilanciarci: il valore residuo di Bonucci sul bilancio juventino era di 2,5 milioni, perché il prezzo di cessione di 42 milioni sottratto a 2,5 genera la plusvalenza di 39,5 milioni dichiarata dalla Juventus.

Ma Bonucci, direte voi, non era stato acquistato per 15,5 milioni 7 anni fa? Non avrebbe dovuto essere totalmente ammortizzato? In realtà no, per due ragioni: prima, e lo sappiamo già, perché durante la fase di rinnovo si può riconoscere una “fee” al procuratore (come accaduto con Raiola per Pogba, commissioni mostruose!), seconda perché ad ogni rinnovo con prolungamento si “rispalma” il valore residuo per gli anni restanti.

Prendiamo sempre Vecino. Se l’Inter, acquisitolo a 24 milioni, rinnovasse all’inizio del 3° anno, con valore residuo di 10 milioni, per altri due anni, questi 10 milioni si dovrebbero “rispalmare” sui 4 rimanenti (i due vecchi più i due del rinnovo), e il costo annuale del calciatore diminuisce. Ecco perché molti club puntano moltissimo sul “prestito oneroso”: è un modo per allungare gli anni di ammortamento con un “finto ammortamento”. Ed ecco perché molti club rispondono alle richieste di aumento dei calciatori con una proposta di prolungamento: perché è vero che aumenta il costo dello stipendio, ma si compensa (in parte o del tutto) con il minor valore di ammortamento. Ecco perché, per esempio, Verratti ha ricevuto gli aumenti contestualmente ad una proposta di prolungamento del contratto. Così come è facile immaginare che fra un paio di anni il Milan vorrà allungare il contratto di Bonucci.

Sempre nel caso di Vecino, l’Inter ammortizzava 5 milioni l’anno, col prolungamento ammortizza 2,5 milioni, ci si può accordare con Vecino per un aumento di ingaggio lordo di 2 milioni e vedere comunque diminuito il suo costo annuale.

Vogliamo complicarci la vita? Facciamolo. L’Inter, dopo averlo acquistato a 24 milioni e avergli rinnovato il contratto di altri due anni dopo i primi due anni, decide di venderlo nell’ultima stagione (ovvero dopo 5 anni di permanenza). Dovevamo “spalmare” gli ultimi 10 milioni sui 4 anni (2 del vecchio contratto + 2 del nuovo), pertanto abbiamo ammortizzato 2,5 milioni all’anno: il valore di Vecino all’inizio del suo 6° anno è di soli 2,5 milioni (7,5 ammortizzato).

Se l’Inter lo cede per 2 milioni fa una minusvalenza, se lo vende a 3 milioni fa una plusvalenza, mentre invece molti giornali vi dicono che rischia di fare una minusvalenza clamorosa di 21 milioni perché si ricordano che è costato 24 milioni. Errore.

Questo ci fa comprendere come possa il PSG pensare ad acquisire Neymar per oltre 220 milioni: con un contratto di 5 anni sarebbero 44 milioni di ammortamenti più l’ingaggio (con la tassazione francese, parliamo di 30 netti, circa 53 lordi se non erro). Sembra una follia, 100 milioni l’anno per un solo calciatore, ma considerato che il fatturato è aumentato a oltre 500 milioni (pur con un utile di soli 10 milioni), basta davvero poco per far quadrare i conti pur con una acquisizione monstre: e già buona parte lo recupererebbe con l’indotto generato dall’acquisizione stessa, ovvero merchandising, pubblicità, amichevoli etc… Neymar avrebbe un effetto pazzesco dal punto di vista del rientro economico.

Adesso dovremmo avere degli elementi in più per comprendere le ragioni di quelle che si chiamano “cessioni importanti” a cui praticamente tutti in Italia ormai stanno cedendo, anche la Juventus (Vidal, Bonucci, Pogba etc…). Perché, approfondiamo, il ricavo si iscrive totalmente nel bilancio d’esercizio in cui si manifesta, anche se il suo “effetto economico positivo” reale, la plusvalenza (visto che parliamo di cessioni in plus), è generalmente minore del ricavo totale. Capite che fare oggi una plusvalenza di 39,5 milioni per Bonucci corrisponde alla possibilità di acquisire calciatori dal costo teorico di 158 milioni: è la quota di ammortamento “concessa” dalla cessione eccellente (o meglio, dalla sua plusvalenza) moltiplicata per 4 anni, ipotetici, di contratto offerti ai nuovi calciatori. Questo, comunque, è un legame a doppia mandata, perché comporta che l’anno prossimo la Juventus sarà costretta o ad aumentare i ricavi operativi o a generare un’altra plusvalenza importante. Per questo la Juventus ogni anno sta cedendo un big: Vidal, Pogba, Bonucci… e l’anno prossimo Sandro?

Ah, stavamo dimenticando il secondo aspetto, quello del “flusso di cassa”, che ci può confondere le idee. L’Inter acquista Vecino (ma l’ha preso o no?) a 24 milioni decidendo di pagare in 2 anni: questo aspetto afferisce esclusivamente alla parte patrimoniale e serve per capire quando si estinguerà il debito, ma non avrà effetti sul “pareggio di bilancio”.

Ovviamente tralasciamo l’aspetto relativo a quanto possa essere sensato investire ingenti somme di denaro su asset estremamente vulnerabili (per via degli infortuni) e a forte rischio di deprezzamento improvviso (per via di performance non in linea con quanto preventivato), che rendono questo tipo di investimenti completamente assurdi secondo qualsiasi meccanismo economico conosciuto, dato il rischio imprenditoriale troppo elevato.

Comprenderete ancora di più perché nessuna cessione può essere fatta alla leggera e non si può correre il rischio di svendere a costi inferiori al residuo in bilancio: in società come l’Inter in questo preciso contesto storico, dove pochi milioni di euro possono fare la differenza, generare anche 1 o 2 milioni di minusvalenza sarebbe drammatico.

Pertanto, in conclusione, se da un lato l’esborso per l’acquisto di un calciatore risulta molto più “attenuato” nell’anno corrente, dall’altro questo importo sarà ripetuto a bilancio anche per i successivi anni, con il rischio che, in caso di performance non in linea con quanto preventivato (eventualità quasi all’ordine del giorno per tutte le squadre), ci si ritrovi con una zavorra che impedisca di effettuare nuovi investimenti, per di più resi ancor più necessari dalle mancate performance del calciatore in questione.

Per semplicità, pensate a Kongdobia.

Il fair play finanziario e il parallelismo con l’Inter

Fatta questa doverosa, lunga e noiosa ma necessaria premessa, passiamo quindi all’ambito “meno” cruciale ma soprattutto, come vedremo, quello in cui il Milan si sta muovendo in maniera più logica e, se vogliamo, intelligente (anche se molto rischiosa).

In questo articolo

Inter, abbiamo un problema?

Parlavamo di Financial Fair Play (che d’ora in poi chiameremo FFP) e abbiamo già cominciato a capire che la maggior parte dei dubbi e delle proteste del tifoso medio in merito a questo insieme di regole è completamente senza fondamento. A meno di non sbattere i pugnetti sul tavolo e urlare “voglio un topplèie” e sperare che Zhang si intenerisca, mandi a quel paese l’Uefa e assecondi i pugnetti chiusi sbattuti sul tavolo

Adesso cercheremo di comprendere meglio la vicenda Milan, anche se il grosso lo rimandiamo a domani.

Innanzitutto il FFP non prende in considerazione tutte le voci di costo, poiché nelle analisi ne esclude alcuni quelli ritenuti “virtuosi”, ovvero gli investimenti nel settore giovanile e quelli per le infrastrutture (stadio).

Analogamente per i ricavi, non tiene conto, o per meglio dire rivaluta verso valori più equi rispetto al mercato, di tutte quelle transazioni “con terze parti correlate”, ovvero sponsorizzazioni “self-made” o compravendite con società non europee, quindi non soggette a FFP, ma con la stessa proprietà: PSG vi ricorda qualcosa? E il cosiddetto “break-even” può essere diverso da quello che molti chiamano erroneamente “pareggio di bilancio”.

In più impone che i ricavi da sponsorizzazioni (singole) non eccedano il 30% circa del fatturato totale.

In caso di cambio “sostanziale” della proprietà negli ultimi 12 mesi, alle società di calcio viene concesso di ridiscutere il piano di “rientro” con la UEFA in quanto, in questi casi, si riconoscono alla nuova proprietà le attenuanti di una situazione finanziaria ereditata da altri e pertanto viene concesso di andare in deroga alle regole.

In particolare, dal 2015, come spiegato nell’articolo sopra riportato, la UEFA permette di stipulare due tipi di accordo: un settlement agreement (accordo transattivo), più stringente (è un contratto a tutti gli effetti) e che obbliga le società a chiudere 3 esercizi consecutivi con un disavanzo massimo cumulato di 30 milioni, e più recentemente (con Inter e Roma già in SA) un voluntary agreement (accordo volontario),  che consente invece maggiore libertà di spesa nell’ambito però di un piano credibile di sviluppo e risanamento dei conti, che copre solitamente un orizzonte temporale di 4 anni, ma che è sottoscrivibile soltanto nel caso in cui non sia stato già stipulato in precedenza un settlement agreement.

Ed eccoci quindi alla prima, importante, conclusione: a Suning non è stata concessa la possibilità di ridiscutere il piano di rientro poiché l’Inter di Thohir aveva già stipulato un settlement agreement con la UEFA, e pertanto, anche con il successivo cambio di proprietà (il secondo negli ultimi 3 anni), la società era (è) obbligata al rispetto dell’accordo preesistente, che in quel periodo era l’unico presente (il VA è stato introdotto nel 2015).

Accordo che prevedeva, quindi, il raggiungimento del break-even (sempre e solo relativamente ad alcune voci di costo e di ricavo, come descritto sopra) per l’esercizio 2016-2017, raggiunto grazie alle cessioni a fine giugno dei vari Caprari, Miangue, Dimarco e compagnia, ma soprattutto con l’obbligo di raggiungere il break-even anche per il successivo esercizio 2017-2018.

Quest’ultimo punto, sconosciuto alla massa di tifosi, contribuisce significativamente a far comprendere meglio la politica di mercato adottata dai vertici nerazzurri.

La disponibilità economica di Suning è quanto di più certificato possa esistere, al pari della loro volontà di investire ingenti somme nella squadra: prova ne è l’investimento sui giovanissimi.

Ma il vero freno, che in realtà tanto freno non è come vedremo, è quindi rappresentato dal fatto che tale “potenza di fuoco” (la “putenza”) non può essere sprigionata a cuor leggero con il solo raggiungimento del pareggio al 30 giugno 2017. Il paradosso è che le proprietà ricchissime cambiano relativamente poco se non possono fare investimenti infrastrutturali importanti, come lo stadio, o se gli si chiedono risultati subito anche se sono costretti a rifare da zero tutta una strategia di marketing che accresca il valore dei ricavi.

Per rimanere all’interno dell’accordo, le strade perseguibili sono due:

  1. Investire comunque molti soldi in questa sessione di mercato, caricando quindi il bilancio di ulteriori ingenti ammortamenti, con la speranza di rientrare subito in Champions e di conseguenza aumentando dunque i ricavi.
  2. Provare ad aumentare da subito i ricavi societari attraverso nuove sponsorizzazioni e nuovi canali commerciali, cercando quindi di slegarli il più possibile dai risultati sportivi.

Il punto 1, che è quello sicuramente preferito dal tifoso, rappresenta però una zavorra pesantissima, per i motivi spiegati quando abbiamo parlato di ammortamenti. Pensate infatti a tanti Kongdobia acquistati tutti nello stesso anno: per i 4-5 anni successivi, la società sarebbe di fatto bloccata, poiché costretta dagli ingenti costi di ammortamento a non poter operare nuovi investimenti (e quindi nuovi ammortamenti), per riparare ai suddetti acquisti sbagliati, e a non riuscire a vendere in maniera remunerativa tali calciatori in quanto deprezzati sul mercato, in un loop vizioso. Con l’aggravante di poter generare una minusvalenza, vera e propria sciagura di questi tempi come abbiamo visto.

Sempre parlando di Kondogbia… il suo costo storico era inizialmente di circa 32,5 milioni di euro, contratto da 3,5 netti, 7 lordi e contratto di 5 anni: ci “costa” 6,5+7 l’anno. In teoria il suo valore a bilancio a fine primo anno avrebbe dovuto essere di circa 26 milioni. Purtroppo, però, erano previsti dei bonus per un totale di circa 8 milioni, che si aggiungono al costo storico ma si spalmano dal momento in cui diventano certi: 8 milioni per 4 anni di contratto significa un costo di altri 2 milioni per ammortamenti. Kondogbia ci costa 15,5 milioni l’anno, che è persino più grave di averlo pagato 40 milioni! Questa la situazione dei suoi ammortamenti:

  • 6,5 il primo anno;
  • 6,5+2 il secondo anno;
  • Totale 15 milioni ammortizzati circa;
  • Valore residuo 25,5 milioni.

Teoricamente è il costo a cui si dovrebbe vendere oggi Kondogbia per non generare una minusvalenza. Ma, c’è un “ma”, l’Inter potrebbe decidere di generarla, andandola a pareggiare con il risparmio dell’ingaggio (7 lordi) + la quota di ammortamento (8,5): per generare uno “zero” a bilancio potremmo venderlo a 10 milioni, a patto di non acquistare nessuno al suo posto. Per fare due acquisti top si dovrà vendere non bene, ma benissimo, oppure rinunciare a Perisic, ma Spalletti sembra non volerci (crediamo giustamente) sentire da quest’orecchio.

Tornando a noi, anche “scommettere” di rientrare in Champions League non è una strada perseguibile: perché gli effetti economico-finanziari si manifesterebbero l’anno successivo.

Pertanto, laddove i risultati sportivi non fossero in linea con quanto preventivato ad inizio anno e con il (presunto) valore degli asset acquistati, le conseguenze sarebbero disastrose, poiché negli anni successivi, a causa dell’impossibilità di operare nuovi investimenti, i risultati sportivi peggiorerebbero sempre di più.

Il punto 2, invece, è la vera sfida delle società calcistiche moderne e rappresenta un vero vantaggio competitivo delle cosiddette big europee nei confronti del resto d’Europa. E come conseguenza ha che eventuali acquisti errati possono essere più facilmente gestiti e digeriti, perché c’è l’immediata possibilità di operare nuovi acquisti.

Ovviamente, però, la soluzione migliore è un giusto compromesso tra le due strade. Che è esattamente quello che sta perseguendo la proprietà nerazzurra, con buona pace della massa di tifosi belanti che credono alle favole della stampa. Perché il grosso del tifo interista parla di prostituzione intellettuale ma nella realtà non prova a distaccarsene in alcun modo, contribuendo quindi egli stesso ad alimentarla.

La società ha ritenuto infatti l’attuale rosa abbastanza competitiva e ha deciso di puntellarla con 4-5 acquisti mirati, di cui 1 (o forse 2) di altissimo livello, se ci sarà la possibilità e buone cessioni, e i restanti 3 o 4 di profilo meno elevato ma funzionale al 100% al progetto del nuovo allenatore.

Beninteso, se anche la considerassero una squadra di cessi ambulanti non lo andrebbero a raccontare ai giornali: significherebbe perdere ogni più piccola residua possibilità di ricavarci qualcosa. Quindi, sì, abituatevi all’idea di sentir dire loro che sono bravi, che hanno passato una stagione sfortunata, che con pochi innesti si può svoltare etc… Perché vendere bene è stato, è e sarà necessario per qualunque strategia di acquisto.

Parallelamente, però, si continua senza sosta a cercare e a stipulare nuovi accordi commerciali in giro per il mondo, a siglare nuove sponsorizzazioni, ad accrescere il marchio soprattutto nell’immenso mercato asiatico.

Quest’ultima strada ci ha praticamente permesso di recuperare il disavanzo degli scorsi anni senza vendere nessun top player. Ovvero, per tornare al discorso di prima, di slegare, per quanto possibile ovviamente, il risultato di bilancio dalla compravendita (leggi plusvalenze) dei calciatori.

E scusate se è poco.

[continua domani con il dettaglio sul Milan…]

sostieni ilmalpensante.com

 

Loading Disqus Comments ...