Javier Pastore è il “10” giusto per l’Inter?

Introduzione

Ormai siamo alla piena compulsione da calciomercato: come e più degli ultimi anni, l’ansia da prestazione in fase di calciomercato è a livelli massimi, anche se immagino che il peggio deve ancora venire.

esthia immmobiliareFare una rapida scorribanda sui social significa essere investiti da un’ondata di opinioni talmente variegate da lasciare disorientati… e in qualche caso si assiste anche a qualche caso di evidente dissociazione.

Come quella di vedere applaudita l’operazione Caceres-Lazio dopo che era stato accostato all’Inter e bollato come “pacco ormai finito”, “a cosa serve?” etc..

Così, non importa cosa faccia l’Inter, perché tanto l’unica certezza è che qualunque cosa faccia è errore. Si potrebbe ideare la nuova legge di Murphy per il calciomercato nerazzurro:

Se non compra, perché non compra?

Se si interessa al calciatore X, è certamente uno scarto.

Se qualunque squadra Y acquista il calciatore X, quelli sì che sono bravi: dovevamo prenderlo noi.

 

Se l’Inter offre denaro, ma che spreco.

Se ci prova con i prestiti, ma che pezzenti.

Se sono giovani, ci vuole quello di esperienza.

Se sono di esperienza, squadra senza futuro.

E via discorrendo, sotto il segno del “se può far schifo, lo farà certamente“.

Passato il momento di boutade mattutino, ci concentriamo su Pastore, vero e proprio tormentone che risuona forte un po’ ovunque, nei social e nei giornali, nelle tv nelle parrocchie e in tutti i peggiori bar dello sport in cui ci vedono bene i Massimo Mauro e qualche sindacalista con la puzza sotto il naso.

Anche perché pare che Ausilio, DS dell’Inter, e Simonian, agente di Pastore, si siano incontrati 4 o 5 volte a gennaio.

Ma prima di addentrarci nei meandri tecnici, tattici e di mercato, ci poniamo la domanda: Pastore è il “10” giusto per l’Inter?

Definire un giocatore come El Flaco può essere semplice ma al tempo stesso difficile, è quel classico calciatore che attira sguardi ammirati ma anche infastiditi.

Insomma, è un calciatore che di certo non lascia indifferenti.

La parte positiva, già espressa a Palermo, diceva e dice di un talento decisamente fuori da ogni standard, tocco di palla delizioso, visione di gioco e opportunità in occasioni dove il 99% dei calciatori vedrebbe un problema, eleganza rarissima e tecnica sopraffina.

Basterebbe questo per chiudere l’articolo e andare a casa, almeno in condizioni normali.

Ma non per Pastore, sul quale c’è ancora tanto da dire… semplicemente perché è nelle corde del suo talento e della sua carriera.

Credo sia inutile fare tutto l’excursus anche della sua, pur breve, esperienza a Palermo, perché nonostante siano passati 7 anni, con Javier ancora poco più che 20enne, ce l’abbiamo ancora tutti sotto gli occhi: facciamo solo un breve viaggio.


 

Seguici su Twitter

 

Loading Disqus Comments ...