#InterJuventus: pagelle malpensanti

Che pagelle si possono fare dopo una partita del genere?

Come abbiamo visto nell’articolo precedente, tutto quello che viene fuori da questa partita non può non essere visto nella prospettiva di una gara totalmente falsata da un arbitraggio indecente che lascia davvero il retrogusto di cose già decise fuori dal campo.

Ho letto molti interisti affrontare l’argomento Spalletti, chi Santon, chi Handanovic… però vorrei togliere ogni sorta di dubbio.

Se l’Inter arriva a subire quei gol, se Spalletti fa quei cambi, è solo perché viene letteralmente condotta lì: è come prendere qualcuno per mano, portarlo su un burrone e dirgli che può fare un passo avanti a destra o sinistra.

Non ci sono alternative.

Se, poi, qualcuno è convinto che con Ranocchia o Eder o Karamoh sarebbe andato tutto diversamente, è evidente che non ha capito il contesto della partita e della direzione di Orsato: a) non abbiamo controprova che sarebbe andata meglio b) è più verosimile che Orsato si sarebbe inventato il rigore per fallo di confusione, un fischio di sensibilità, un sussulto di cuore vero… altro che bidone dell’immondizia.

Handanovic ha responsabilità sui gol? Sì.

Spalletti ha sbagliato il cambio? Probabilmente sì.

Santon ha sbagliato sui due gol? Sì.

Eppure rimane l’assoluta certezza che con un arbitro normale tutto questo non sarebbe accaduto, che Spalletti non avrebbe avuto necessità di sostituire qualcuno a caso tra i 4 che erano più che in riserva, erano letteralmente boccheggianti e zoppicanti.

 

Qualunque pagella si possa fare, non può prescindere dal contesto in cui si gioca. E qual è il contesto di ieri? Non certo quello di una partita di calcio, pertanto si fa fatica a fare pagelle di una partita di calcio.

PAGELLE

LA SQUADRA 10

Non benissimo all’inizio, qualche errore di troppo a destra, ma ha gestito la situazione con grande maturità, ha mostrato di non avere complessi di inferiorità e di essere cresciuta moltissimo.

Nel secondo tempo uno step fisico e mentale pazzesco, con la Juventus che non ci ha capito assolutamente nulla, subendo la compattezza dei nerazzurri e l’impressionante coesione che ha portato Spalletti e i suoi a trovarsi in vantaggio.

Nonostante Orsato, nonostante le storture di una partita che rimarrà nella storia come una delle peggiori nefandezze viste in Serie A: contro questa merda c’è un solo voto possibile per tutti.

HANDANOVIC 10

Sul primo gol ha delle responsabilità perché dovrebbe uscire e non prova neanche ad allungare la mano sul tiro del bianconero. Manca l’uscita anche sul gol di Higuain, così come sembra piazzato malissimo sull’autogol di Skriniar.

Nonostante questo fa anche un paio di parate importanti che lasciano l’Inter in ballo nel primo tempo: dopo tante parate importanti, una partita no ci starebbe anche e senza Orsato non la pagherebbe neanche.

CANCELO 10

In sofferenza nel primo tempo, soprattutto per quello che sembra un atteggiamento sbagliato: quando sul lato debole, troppo ligio nello stringere al centro e troppo pigro nell’uscita dopo il cambio di campo, come quando la Juventus rischia il gol al 12esimo su lancio di Cuadrado per Mandzukic e Matuidi che sono lasciati liberi da Cancelo e Skriniar.

Partita di sofferenza, con troppe palle perse e con troppo tempo sprecato per capire i movimenti di Matuidi e Mandzukic, ma secondo tempo spaziale. Lui è uno di quei calciatori che ha bisogno di essere costantemente messi al centro dell’azione, l’Inter riesce a isolarlo come vuole ma senza poi dargli palloni a sufficienza.

Nella sostanza vince il confronto diretto con Sandro che è già tanto, visto che il brasiliano viene spacciato come il miglior esterno d’Italia.

Ingenuità sulla punizione che genera il gol di Higuain, ma Orsato aveva chiuso gli occhi di fronte a situazioni simili.

SKRINIAR 10

Incolpevole praticamente su tutto, fatta eccezione per l’ultima spallata a Higuain non sanzionata: ma ormai era a partita finita e compromessa, non compensa nulla e non giustifica nulla.

La Juventus gli rimbalza e lui si fa baluardo insuperabile, come quando nel finale si sostituisce a Handanovic su tiro di Douglas Costa: Higuain gli gira molto al largo.

Ormai no contest: è il miglior centrale della stagione in Serie A.

MIRANDA 10

Una partita sostanzialmente perfetta con un solo grande errore: sul gol di Higuain si lascia superare dal tiro di Dybala, sbagliando movimento.

Peccato, perché la prestazione è stata entusiasmante sotto molti punti di vista, con tante piccole cose preziose e una quasi impeccabilità che viene macchiata dal terzo gol bianconero.

D’AMBROSIO 10

Aveva il compito più difficile, quello di affrontare l’avversario più in forma e più veloce.

Se Douglas costa viene “rabbonito” al punto da essere sostanzialmente inefficace su quella fascia è soprattutto merito suo: il gol del bianconero arriva dall’altra parte e solo per una sfortunata serie di casualità difensive.

In attacco è poco propositivo e quel paio di volte che si affaccia in avanti sbaglia il cross di sinistro: rivedibile sotto questo punto di vista.

VECINO 10+

L’unico interista che comprende l’aria della serata e fa l’unica cosa che conta in questi contesti:

Spiace, “non è fair play” direte voi, “non è calcio” diciamo noi e pertanto se Mandzukic non esce definitivamente rotto è persino una sconfitta per l’umanità.

In ritardo di condizione e lo si vede perché arriva in ritardo praticamente su tutto, su Mandzukic compreso.

BROZOVIC 10

Partita meno scintillante delle precedenti ma gli va riconosciuto il dono dell’ubiquità perché lui stoppa tutto quello che gli arriva di fronte, recupera, contrasta e imposta come nelle migliori partita, anche senza la continuità con cui ci aveva abituati: ma la partita, purtroppo, è durata giusto un quarto d’ora.

L’apertura su Perisic sull’autogol di Barzagli sarebbe stata celebrata in mondovisione se l’avesse fatta un Pirlo: lui è Brozovic e la fanno passare in secondo piano.

La quantità di corsa e di palloni giocati è strabiliante: aspettavamo la conferma, è arrivata.

Habemus registam.

 

CANDREVA 10

Meriterebbe un gran gol che invece trova Buffon prontissimo alla deviazione.

Corre come un dannato, pressa, si accentra per lasciare spazio a Cancelo, si sacrifica, ma da quel lato non tutto funziona alla perfezione, come quando Douglas Costa segna il gol dello 0-1: ma in quel caso è il non-tocco di Matuidi a trarre in inganno tutti.

RAFINHA 10

Fa impressione il numero delle palle recuperate, che sono quasi il doppio di quelle perse. Impressione per chi non lo aveva visto prima o non aveva letto la presentazione su queste pagine:

Perché se Rafinha tenesse meno palla e avesse un filo di propensione in meno al dribblig sarebbe anche uno straordinario centrale di metà campo che potrebbe consentire all’Inter di variare moduli con estrema facilità.

Questa partita ci dimostra che è possibile, che la stoffa c’è anche se fisicamente si vede che ancora fa una fatica non indifferente: ma la precisione nel dare quella palla ai compagni fa brillare gli occhi.

 

PERISIC 10

Non fatevi ingannare né dal gol-non-gol di Cuadrado né dall’assist per Douglas Costa, perché la partita di Cuadrado è stata di totale sofferenza nei confronti di Perisic, al quale non è quasi mai riuscito a opporre la resistenza dovuta.

La quantità di chilometri fatta è imbarazzante, così come la facilità con cui salta il colombiano sull’autogol di Barzagli, ma anche nel primo tempo quando ci starebbe il secondo giallo per il bianconero.

Purtroppo l’ultima palla buona gli capita quando non ne ha più e di testa colpisce fuori.

 

ICARDI 10

Di battagliare battaglia, di correre corre finché ne ha, di segnare segna: questo ai mondiali ci va.

 

SANTON 10

Ragazzo mio, davvero, anche se gli errori sono tuoi tu non c’entri niente, anche se a fine stagione questa farà il paio con le altre due partite in cui sei stato condizionante.

Fallo per il tuo bene, vola altrove. Anche se la riflessione non dipende da questa partita.

KARAMOH 10

Perché è Karamoh e perché sì.

BORJA VALERO 10

Che altro voto vuoi dargli?

Esthia immobiliare

SPALLETTI 10

Preparata bene, riportata benissimo in carreggiata, ha sulla coscienza il cambio.

Forse è un po’ troppo fissato con la questione delle palle alte, perché l’unico motivo per cui Santon entra è questo: e l’Inter prende gol su una palla inattiva.

Uno gli viene il dubbio “ma a quel punto metti Ranocchia, no?”. No, perché tanto sarebbe andata a finire così uguale.

Non oggi, mister, nessun rimprovero: dalla prossima ne parliamo.

Oggi applausi per tutti perché fargliela sudare è già di per sé un’impresa e l’Inter meritava ampiamente di uscire vittoriosa da San Siro.

Solo che lo sport e Orsato sono andati in due direzioni diverse.

 

ORSATO 10

Questo è il voto juventino: fa quello che deve fare e lo fa con straordinaria classe, bravo, promosso, come dice Allegri.

ORSATO 0

Questo è il voto di tutto il resto del mondo: una nefandezza ai livelli di Ceccarini e De Santis.

JUVENTUS (in breve)

BUFFON 0

Solo perché non hai il coraggio, dopo Madrid, di andare ai microfoni e chiedere scusa per i due pesi e le due misure.

CUADRADO 7

Il voto è più alto rispetto alla prestazione perché presente in tutte le situazioni importanti, ma partita di sofferenza con Perisic che gli varrebbe un 6 stiracchiato.

RUGANI 5

Ma davvero gioca in nazionale? Chissà perché.

BARZAGLI 4,5

Meriterebbe di finire prima sotto la doccia, fa un autogol “scemonzolo” e un fallo da rigore su Icardi che solo Orsato decide di non dare (e figurati se Valeri glielo segnalava).

In una squadra normale sarebbe stato messo in croce, non alla Juventus dove gli viene concesso tutto.

SANDRO 5,5

Ci aspettavamo molto di più: di forte è forte, ma probabilmente anche di buona stampa.

KHEDIRA 5

Perfetto nei primi 15 minuti su Brozovic, poi quando l’Inter è in inferiorità non sa più che fare e sparisce dalla partita.

PJANIC 4

Altro baciato dalla sorte di essere juventino.

MATUIDI 6,5

Destabilizza l’avversario perché si muove costantemente e non è un caso che a fine partita sia quello col contachilometri più impegnato.

DOUGLAS COSTA 6,5

Anche qui ci aspettavamo di più, però c’è da dire che D’Ambrosio fa una partita quasi impeccabile.

HIGUAIN 7

Se la Juve ha una logica offensiva lo deve solo alla quantità di movimento dell’argentino che si carica sulle spalle anche il compito di fare il regista avanzato.

Tocca più palloni lui di Khedira, fate voi. Il gol impreziosisce la prestazione.

DYBALA 6,5

Francamente non capisco tutta l’eccitazione dei bianconeri: due punizioni valgono 7? No, ripassare un’altra volta con arbitri normodotati.

BERNARDESCHI 5,5

Altro baciato dalla fortuna: stoppa di braccio e niente giallo. Ma le proteste valgono solo per il Real eh, in questo caso l’arbitro è stato sensibile: neanche punizione.

BENTANCUR SV

ALLEGRI 6

Ti piace vincere facile eh? Con la metà campo interista devastata dalla fatica cambia Dybala per Khedira persino con eccessivo ritardo.

Non paga la mossa Cuadrado terzino solo perché con Orsato tutto gli viene facile.

Così come vincere: ma tanto vi piace vincere facile, eh?

sostieni ilmalpensante.com

Seguici su Facebook

 

Seguici su Twitter

Loading Disqus Comments ...