Inter contro “quelli là” per l’impresa impossibile (con vignetta)

La classifica del girone K parla chiaro e dice male all’Inter:

  • Sparta Praga 9
  • Southampton 7
  • Hapoel Beer Sheva 4
  • Inter 3

Al momento del sorteggio c’era stata un po’ di apprensione, perché comunque Sparta Praga e Southampton sono buone squadre e l’Inter non avrebbe potuto schierare alcuni dei suoi calciatori, costringendo così l’allenatore di turno a schierare una formazione spesso azzardata e difficilmente rodata.

L’evoluzione è stata molto peggio di quel che ci si aspettasse. Col senno di poi, sarebbe bastata davvero anche solo una delle due partite (l’ultima col Southampton e la prima contro l’Hapoel) per raccimolare quel punto in più che oggi renderebbe tutto più semplice.

L’Inter ha una missione impossibile e deve comunque provarci, per l’orgoglio, per dare fiducia, per far lavorare bene il nuovo mister. Il titolo vuole essere ironico e non offensivo nei confronti dei semisconosciuti calciatori israeliani, che all’andata hanno compiuto l’impresa e meritano rispetto. Una sfida difficile che Daniele Zizzi prova ironicamente a riassumere con una vignetta: abbiamo ricevuto questa proposta di collaborazione, accolta con entusiasmo perché crediamo nella multimedialità del messaggio, ma anche nella sua “orizzontalità” rispetto alle forme di espressione, come abbiamo mostrato con il racconto del nostro “Duca”.

vignetta scala a pioli

L’INTER SI QUALIFICA SE

  1. Batte l’Hapoel oggi e lo Sparta Praga, a condizione che lo Sparta perda contro il Southampton: la vittoria dell’Inter contro lo Sparta dovrà essere con almeno due gol di scarto.
  2. Batte l’Hapoel oggi e lo Sparta Praga, a condizione che il Southampton faccia 1 solo punto in 2 partite (Inter  e Sparta 9, Southampton 8)
  3. Realizza 4 punti in due partite, ma il Southampton le perde entrambe

Ci sono un altro paio di combinazioni ma sono praticamente irrealizzabili.

FORMAZIONI UFFICIALI

Hapoel Beer Sheva (4-5-1): Goresh; Miguel Vitor, Tzedek, Taha; Korhut, Ogu, Hoban, Bitton; Nwakaeme, Maranhao, Buzaglo. All.: Bakhar.
Inter (4-2-3-1): Handanovic, D’Ambrosio, Miranda, Murillo, Nagatomo, Brozovic, Melo, Candreva, Banega, Eder, Icardi. All.: Pioli.

Pioli gioca al meglio che può, schierando praticamente la formazione titolare: dentro Banega, dentro Brozovic, Candreva e Eder per dare supporto a Icardi.

Si può fare? Finché la matematica non condanna, nulla è impossibile: oggi c’è un solo risultato, vincere. E dall’altra parte, solo un pareggio condannerebbe l’Inter all’eliminazione, pur non matematica (il Southampton dovrebbe perdere contro l’Hapoel all’ultima partita).

Se non è questo uno scenario da pazza Inter…

Loading Disqus Comments ...